Menu

Storia di Camamu

Storia di Camamu

La terza maggior baia del Brasile prende il nome dall’omonima città, fondata dai gesuiti per catechizzare gli indios. L’estrazione del legno e la coltivazione del dende, contribuirono allo sviluppo economico della regione, che pertanto rientrò nelle mire di pirati ed invasori stranieri. La regione fu originariamente abitata da índios dal nome Macamamus Indians.  Camamu era il nome del villaggio degli indiani  nativi . Nel 1560 i gesuiti  costruiscono  una missione, che l anno dopo , al termine della cappella, viene  convertita in una parrocchia con il nome di “Aldeia de Nossa Senhora da Assunção de Macamamu”. Il 22 maggio 1693 il piccolo borgo venne elevato al rango di città con il nome di Camamu. E, infine, il 27 giugno 1891, è diventato ufficialmente una città. . Camamu è stato costruito su due livelli , seguendo la tradizione portoghese, come a Lisbona e Salvador. Nelle strade tortuose e strette della “città alta” sono la chiesa e le belle case coloniali. La “città bassa” è dove si trovano il porto e il mercato
La città si arricchì come l’area divenne il maggior produttore di mandioca in Brasile, ed è diventato il bersaglio di pirati e invasori, come gli olandesi. Dal 1624-1627 la città subì diversi attacchi da parte degli olandesi. Per proteggersi da ulteriori incursioni, gli abitanti bloccarono il passaggio di entrata  del porto con enormi rocce, che le barche costrette a zig-zag nel canale per raggiungere il porto. Le rocce rimangono li sino ad  oggi.
Nel 1782, per ordine della Corona portoghese, il pioniere João Gonçalves da Costa ha aperto la prima strada che collega Camamu con gli insediamenti dell’entroterra. A causa della sua importanza per la vita economica della provincia, è diventato noto come il “Estrada das Nações” (“Strada delle Nazioni”).
Nel 1961, comune Camamu è stato suddiviso con una quota residua in Camamu e una porzione di diventare il comune di Ibirapitanga.
Nel 2008 il Controllore Generale nella sua revisione ha citato funzionari comunali per la diffusa corruzione.
Le isolette della baia sono selvagge e ricche di vegetazione vergine. Le loro spiaggette sono intatte e bagnate da acque calme e profonde. Le isole di Campinho, Pedra Furada, Ilha Grande e Goiò sono alcune delle imperdibili attrazioni naturali dell’arcipelago.

Share on FacebookShare on Google+Email this to someone